L’autorizzazione è un atto amministrativo mediante il quale la pubblica amministrazione può rimuovere i limiti posti dalla legge, per salvaguardare il pubblico interesse, all’esercizio di una preesistente situazione soggettiva. Diversamente dalla concessione, quindi, non vengono assegnati nuovi diritti, bensì garantito l’esercizio di un diritto già esistente.

Quali autorizzazioni amministrative segue Confesercenti

Le autorizzazioni amministrative che Confesercenti può aiutarvi ad ottenere sono:

  • licenze per commercio su aree pubbliche (ambulanti);
  • subingressi;
  • patentino o certificati inerenti l’attività del settore commerciale, turistico e dei servizi.

E non solo, perché Confesercenti vi guida, senza perdite di tempo, con precisione e sicurezza, nel labirinto della burocrazia, assistendovi per:

  • comunicazioni per l’apertura degli esercizi di vicinato;
  • avvio procedura autorizzatoria per medie strutture di vendita;
  • richieste di autorizzazioni sanitarie;
  • adempimenti relativi alle tasse ed imposte sulle insegne, suolo pubblico, rifiuti;
  • pratiche presso tutti gli uffici pubblici quali Camera di Commercio, Agenzia delle Entrate, Questura, INPS, Ufficio Tecnico di Finanza, ecc.

Prelievo di contanti: sopra 1.000 euro scatta il controllo fiscale

Il nuovo decreto fiscale ha fissato nuovi limiti al prelievo di contante. Per chi li sfora sono previsti accertamenti del fisco e sanzioni.

Leggi tutto

Rottamazione Cartelle Equitalia: come si fa?

Con il Decreto Fiscale legato alla nuova Legge di Stabilità varata dal Governo, i ruoli affidati ad Equitalia (e anche ad altri agenti della riscossione) tra il 2010 e il 2016 potranno essere definiti senza sanzioni e interessi. Come procedere? Con la rottamazione, in...
Leggi tutto

Voucher: nuovi obblighi di comunicazione

È in vigore una nuova procedura per la comunicazione di attivazione dei voucher: si dovrà inviare almeno 60 minuti prima di ogni prestazione una mail

Leggi tutto

Cos’è la firma digitale e come ottenerla

Uno strumento che aiuta le PMI a velocizzare le pratiche burocratiche è la firma digitale. Non è obbligatoria come la PEC, ma ha dei vantaggi: ecco quali

Leggi tutto