Grazie alla collaborazione con lo Iuav di Venezia, Confesercenti Veneto ha promosso un percorso di formazione e di studio estivo dal titolo “Commercio e rigenerazione dei centri urbani” che, nel triennio 2012-2014 ha coinvolto giovani studenti di architettura in progetti didattici e di ricerca sul ruolo del commercio nelle città.

Nelle tre esperienze di “Summer School”, a Noale nel 2012, ad Este nel 2012 ed a San Donà di Piave nel 2013, gli studenti provenienti da diverse università italiane hanno svolto le loro esercitazioni a partire dall’interpretazione delle trasformazioni socio-economiche, dei cambiamenti negli stili di vita e nei consumi, ed hanno cercato di analizzare in chiave critico-interpretativa le scelte politiche ed amministrative che hanno interessato i centri urbani negli ultimi anni. Si è cercato di re-inventare gli spazi della vita pubblica insieme ai luoghi del consumo, e come spiega Michele Lacchin del Centro Studi Confesrecenti Venezia : “questo processo non significa perdita di identità, snaturamento e artificializzazione, ma può servire a restituire alla città funzioni ed attività adeguate alle dinamiche della vita contemporanea”

“Come Confesercenti abbiamo provato a sporcarci le mani cercando di capire che cosa si sarebbe potuto importare dalla tradizione britannica del “planning integrato” e favorendo esperienze e progetti pilota di cooperazione territoriale: l’esperienza della Summer School nasce proprio dalla consapevolezza di come sia necessario favorire le conoscenze multidisciplinari sul rapporto città-commercio. L’impegno nostro è stato premiato dai progetti concreti dei giovani studenti che crediamo possano favorire la capacità di analizzare i centri urbani nella loro complessità fisica, sociale, politica e culturale” spiega Maurizio Franceschi Direttore Confesercenti Veneto.