La Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare promuove l’inserimento di giovani studenti in percorsi di alternanza scuola lavoro attraverso un bando a sostegno delle Imprese. Il contributo a fondo perduto, concesso in regime de minimis, andrà a coprire le spese per l’attività svolta dal tutor aziendale per la progettazione e l’organizzazione nell’ambito di percorsi di Alternanza Scuola Lavoro e per le altre eventuali spese ritenute ammissibili elencate all’art. 7 del bando.
Le imprese che ospiteranno studenti nei percorsi di alternanza potranno richiedere un contributo massimo pari a € 600,00.- per il sostenimento delle suddette soese e, nel caso di inserimento in azienda di studenti diversamente abili, verrà riconosciuto un ulteriore importo di € 150,00 una tantum.

Periodo di apertura del bando

Le domande potranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica a partire dalle ore 12.00 del 26 settembre e fino alle ore 12.00 del 19 dicembre 2016.

Chi può presentare domanda per partecipare al bando

Possono presentare domanda per ottenere i contributi previsti dal presente bando le imprese che, dal momento della presentazione della domanda e fino alla liquidazione del contributo, rispondano ai seguenti requisiti:

a) siano micro, piccole e medie imprese (PMI) così come definite nella raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003 (GU serie L124 del 20/05/2003);

b) siano regolarmente costituite, iscritte e attive al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Venezia Rovigo, Delta Lagunare;

c) abbiano sede legale o almeno una unità operativa, escluso magazzino o deposito, nelle province di Venezia e di Rovigo secondo quanto riportato nella visura camerale aggiornata;

d) siano iscritte nel Registro Nazionale Alternanza Scuola Lavoro –http://scuolalavoro.registroimprese.it;

e) siano in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) aziendale inserita in visura camerale che sarà utilizzata sia dalla Camera di Commercio che dall’impresa richiedente per ogni comunicazione inerente al bando;

f)  non siano in stato di liquidazione coatta o volontaria, fallimento, concordato preventivo, concordato con riserva, concordato con continuità, amministrazione straordinaria, o nei cui confronti sia in corso un procedimento per la dichiarazione di tali situazioni. Sono altresì escluse le domande presentate da “imprese in difficoltà” così come definite dalla Comunicazione della Commissione Europea 2004/C (GU serie C244 del 01/10/2004), oppure da imprese che hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti dichiarati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea, ai sensi del DPCM 23/05/2007;

g) non abbiano già beneficiato di altri aiuti pubblici a valere sulle medesime spese ammissibili;

h) non presentino nella propria compagine sociale e/o nei propri organi di amministrazione alcun soggetto in carica presso la Giunta della Camera di Commercio di Venezia;

i)  acconsentano alla pubblicazione sul sito camerale – sezione Amministrazione Trasparente – Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economicidei propri dati identificativi, ai sensi dell’art. 26 comma 2 e dell’art. 27 del D.Lgs. 33/2013.

Oggetto, ammontare del contributo e spese ammissibili

Saranno ritenuti ammissibili periodi di Alternanza scuola-lavoro svolti a partire dalla data di pubblicazione del bando fino al 30 giugno 2017.

Al fine della liquidazione del contributo minimo pari a € 380,00 l’impresa dovrà rendicontare almeno un numero di ore di tutoraggio in alternanza scuola lavoro pari a 10 (il parametro orario è fissato in € 38,00, Valore dell’Unità di Costo standard ora/destinatario omnicomprensivo per i servizi individuali – Fascia Base – della Regione Veneto).

Per ottenere il contributo massimo, pari a € 600,00, l’impresa dovrà rendicontare 16 ore di tutoraggio oppure almeno 10 ore di tutoraggio ed ulteriori eventuali spese – IVA, imposte e tasse escluse – tra quelle sotto riportate:

– spese sostenute per l’aggiornamento del DVR aziendale se necessario per l’introduzione dei tirocinanti nell’impresa;

– spese per la copertura assicurativa INAIL, se sostenute direttamente dall’impresa e riferibili allo studente ospitato;

– spese per la copertura assicurativa responsabilità civile, se sostenute direttamente dall’impresa e riferibili allo studente ospitato;

– spese sostenute per visite mediche, ove le specifiche mansioni delle attività lo richiedano, se sostenute direttamente dall’impresa e riferibili allo studente ospitato;

– spese sostenute per l’attività di tutor aziendale individuato all’esterno dell’impresa.

Non sono ammissibili spese sostenute con carte di credito personali dei titolari/soci/legali rappresentanti dell’impresa, con assegno bancario, con assegno circolare ed in contanti.

Il tutor aziendale, potrà essere designato dall’impresa anche tra soggetti esterni alla stessa e dovrà essere in possesso di esperienza e di competenze professionali adeguate per garantire il raggiungimento degli obiettivi previsti dal percorso formativo e assicurare il raccordo tra la struttura ospitante e l’istituzione scolastica.

 

Per ulteriori informazioni e modalità di presentazione della domanda scarica il bando-alternanza-scuola-lavoro