Le Piccole Medie Imprese “attive” iscritte al Registro delle Imprese prima del 29 maggio 2016 di tutti i settori, con esclusione di quello agricolo, potranno presentare la domanda di contributo alla Regione Veneto entro il 31 luglio 2017​ per progetti volti alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti.

Chi e per che cosa si può presentare la domanda?

Gli investimenti per i quali si domanda il contributo devono essere realizzati e localizzati in Veneto. Possono presentare la domanda soltanto le imprese che tra il 19 luglio 2016 e la data di presentazione della domanda abbiano già svolto una diagnosi energetica in conformità a quanto previsto dalla normativa in materia.

A quanto ammonta il contributo?

Il contributo, a fondo perduto, è del 30% della spesa ammessa effettivamente sostenuta e pagata per la
realizzazione del progetto per il quale si domanda il contributo. Il contributo è al massimo di 150.000 € (per una spesa di 500.000 €). Il contributo minimo è di 30.000 € (quindi la spesa minima è di 100.000 €).

Quali spese sono ammissibili?

Le spese ammissibili devono rientrare nelle seguenti tipologie:
a. spese tecniche per le diagnosi energetiche ante e post intervento​, nel limite massimo di 5.000 €
ciascuna. Queste spese non sono ammissibili se sostenute dalle PMI energivore;
b. fornitura, installazione e adeguamento di impianti produttivi e macchinari a elevata efficienza
energetica​;
c. fornitura e installazione di hardware e software​ necessari al funzionamento degli impianti e dei macchinari di cui alla precedente lettera a.
d. opere edili e impiantistiche strettamente necessarie e connesse alla realizzazione del progetto comprese le relative spese di progettazione, direzione lavori e collaudo nel limite del 70% del totale dei costi ammissibili a contributo. Le spese di progettazione, direzione lavori e collaudo sono ammissibili nel limite massimo di 10.000 €;
e. spese per il rilascio, da parte di organismi accreditati da ACCREDIA o da corrispondenti organismi esteri per la specifica norma da certificare, delle certificazioni di gestione ambientale o energetici​ conformi EMAS e alle norme ISO 50001 e EN ISO 14001 nel limite massimo di 10.000 €;
f. spesa sostenuta per le garanzie​ fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti
finanziari, purché relative alla fideiussione.

Per preparare la domanda, cui deve essere allegato un progetto dettagliato che sarà valutato da una commissione tecnica della Regione in base a determinati criteri, servono due settimane. Quindi, se sei interessato devi contattarci al più presto.