“26 domeniche di apertura l’anno, una su due con deroga per 4 festività rimesse alle Regioni ma la grande novità riguarda proprio i negozi di vicinato delle nostre città che invece potranno rimanere aperti tutte le domeniche dell’anno, eccetto le festività. E’ questa la regolarizzazione che aspettavamo e che mette fine ad una lunga concorrenza sleale a favore della Grande Distribuzione, che soprattutto nel week end, ha svuotato ed impoverito i centri urbani”.

Soddisfazione nelle parole di Maurizio Franceschi, Direttore Confesercenti Metropoliana di Venezia, che, se l’iter parlamentare confermerà i cardini della proposta di legge, dichiara ci sarà finalmente una nuova normativa a favore del commercio e dei negozi di vicinato, mettendo la parola fine sulla deregulation del Governo Monti.

“Assolutamente positive le deroghe per tutti i centri storici e per i negozi di vicinato, perchè così sia a Mestre che, per esempio, nella Riviera del Brenta, entrambe aree dove è in crescita l’economia turistica, le aperture dei negozi potranno ridare slancio e nuove possibilità alle imprese del commercio. In questo modo si ridà alle città quel valore di comunità e di luogo di aggregazione di cui negli anni sono state private, incentivando e favorendo luoghi artificiali appena fuori i centri storici”.