“Giornata storica per il mondo del libro. La Camera a maggioranza schiacciante ha approvato un disegno di Legge che finalmente fa giocare tutti alla pari e premia la concorrenza basata sulla competenza e non sul potere o sul monopolio. Finalmente anche l’Italia come Francia e Germania impara il rispetto del lavoro sul libro, frena la svendita del valore che penalizza tutti e più di tutti il lettore”. 

Così Cristina Giussani, presidente del Sindacato italiano librai e regionale Confesercenti, che sottolinea, come l’approvazione alla Camera sia davvero il concretizzarsi di un lavoro di cinque anni del Sindacato Librai.

“Finalmente – continua Giussani, – il Paese potrà dotarsi di una legge che ha come obiettivo l’allargamento della platea dei lettori e che individua nelle librerie dei territori, in particolare le indipendenti, un elemento fondamentale per la promozione della lettura, intervenendo anche su un riequilibrio della concorrenza. Apprezziamo moltissimo infine, la trasversalità politica di questa legge e confidiamo che la cultura sia sempre più al centro dell’attività politica del nostro Paese”.

Il SIL vuole esprimere un ringraziamento al Parlamento, alla Commissione Cultura e al Ministro per il lavoro tenace e consapevole svolto in questi mesi. Ora si un pronto approdo al Senato, per il prosieguo dell’iter che, dal SIL si augurano, possa chiudersi in tempi rapidi.