Dal 1° gennaio 2019 scatta l’obbligo per tutte le attività di emettere e conservare le fatture in formato elettronico. In un contesto come quello italiano in cui la maggior parte delle imprese sono individuali, o con pochissimi addetti, questa nuova procedura porta con sé diverse problematiche legate alla sua attuazione. Confesercenti propone un servizio personalizzato per risolvere difficoltà come quelle che abbiamo elencato qui sotto.

Le criticità collegate alla fatturazione elettronica

Tra le difficoltà che abbiamo rilevato, legate soprattutto alla fase iniziale di attuazione, vi sono:

  1. Scelta del metodo di fatturazione elettronica: l’attività può optare per l’utilizzo di un software per gestire la fatturazione direttamente, o optare per l’abbonamento ad un portale che offre questo servizio, o l’esternalizzazione del processo affidandosi ad intermediari accreditati.
  2. Aumento dei costi: qualunque sia la modalità scelta, le attività incorreranno in un aumento dei costi che si andranno ad aggiungere ai già numerosi oneri che devono sostenere.
  3. Allungamento tempi di procedura: l’inserimento delle fatture elettroniche potrebbe essere un processo più lungo e complesso rispetto alla compilazione di quelle cartacee. Per le piccole attività, questo può significare fare attendere i clienti col rischio di creare delle file e avere dei danni economici.
  4. Formazione: nel caso in cui venga scelto un software da usare direttamente, ci sarà bisogno di dotarsi di un pc nel caso non sia ancora in uso, e di un periodo di formazione del personale che dovrà utilizzarlo.
  5. Adeguamento di mentalità e operatività: da non sottovalutare il problema legato alla difficoltà, soprattutto iniziale, di comprendere il passaggio dalla fatturazione cartacea a quella digitale. Nel caso in cui l’attività si doti di un software di fatturazione, questo significa anche che il personale che si occupa dell’utilizzo di questo software comunichi con chi segue amministrazione e contabilità.
  6. Integrazione con i software già in uso: sempre nel caso in cui l’attività scelga un software di gestione delle fatture elettroniche, questo si dovrà integrare con eventuali software già esistenti, il che può significare un aumento dei costi.
  7. Timore di incorrere in violazioni sanzionabili: questo a causa delle difficoltà nel comprendere il meccanismo di compilazione della fattura elettronica, specialmente in caso di scarsa alfabetizzazione informatica e della mancanza di gradualità nell’attuazione della normativa e di un periodo di sperimentazione.

Il servizio di Confesercenti per superare le difficoltà legate alla fatturazione elettronica

Con la consapevolezza di quali sono le problematiche che le attività si trovano a gestire, Confesercenti offre un servizio di consulenza con incontri individuali con le imprese. Lo scopo è quello di accompagnare ognuna di loro in maniera serena verso la digitalizzazione del processo di fatturazione e definire insieme la soluzione più adatta partendo dalle caratteristiche ed esigenze di ciascuna (legate per esempio alla dimensione organizzativa, al volume di fatture emesse o ricevute, ecc.). Vi invitiamo a prendere appuntamento contattando la sede Confesercenti più vicina a voi che potete trovare cliccando qui.