Sono due imprenditori mestrini, coppia anche nella vita, che non vogliono rinunciare alla loro attività commerciale nel cuore della città: così dopo anni di negozio di abbigliamento in via Manin e di stockouse in Corte dell’Orologio, Cinzia Glamour MestreDonadonibus e Massimo Scarpa, titolari di “Glamour” si spostano da un’altra di Mestre, ridimensionano la società e diversificando ancora una volta la loro offerta commerciale.

Mestre è un rettangolo, le persone fanno acquisti e le spese nelle vie a ridosso di Piazza Ferretto, non ci si sposta più là: così siamo stati noi a venire ancora più in centro incontro alla gente – racconta Cinzia che oggi ha trasferito il negozio dietro Piazza Ferretto, subito dopo quello di “Dimensione Danza” – Inoltre, qui non paghiamo l’affitto perchè l’immobile è di proprietà e vista la crescita degli affitti in città, questo fa la differenza”.

Cinzia e Massimo non sono “nuovi del mestiere”, lavorano nel settore dell’abbigliamento da trent’anni e non mollano la loro città: riescono a “cavalcare” la crisi ed i cambiamenti dei consumatori. Come? Studiano la situazione, vedono cosa manca nel mercato e propongono novità. “Il nostro negozio non è più solo un outlet con marchi di richiamo, ma abbiamo capi di aziende di prima linea, ovvero che non si trovano in altri negozi del centro: siamo una via di mezz0 dove si può trovare il capo “griffato” della stagione precedente ma anche uno meno conosciuto, questo per aprire più possibile alla clientela” racconta Cinzia.

Analisi del mercato ed offerta diversificata

Con questa strategia, oggi “Glamour” che dopo il boom del primo mese di nuova apertura, registra un trend positivo con la clientela di fiducia più, quasi ogni giorno, un cliente nuovo vista la posizione del negozio. Mai pensato di andarsene fuori dal centro, magari dentro un centro commerciale?

“Assolutamente no, qualcuno pensa sia facile gestire un negozio dentro un centro commerciale, ma ci sono orari molto lunghi da garantire con costi altissimi di affitto e la necessità di avere personale da far ruotare nel corso della giornata, sette giorni su sette”

http://www.specialpricemestre.it/